cbd aiuta a dormire

Ti sei mai chiesto se il CBD è anche in grado di favorire la qualità del sonno? In che modo può essere utilizzato per tutte quelle persone che fanno fatica ad addormentarsi? In questo articolo andremo a scoprire se il CBD aiuta a dormire e… in che modo agisce per migliorare il nostro stile di vita!

Per molti di noi una serena dormita è considerata una vera e propria utopia difficile da raggiungere.

Nel mondo si contano tantissimi casi di persone che soffrono di insonnia o che non riescono a riposare come vorrebbero. Ma quali sono le principali cause di un sonno disturbato o irregolare?

Prima di tutto troviamo l’ansia, che è uno dei principali fattori legati ai disturbi di cui stiamo parlando. Un eccessivo accumulo di stress può creare sintomi di insonnia anche molto gravi che, se non curati, generano fastidiose conseguenze nella vita di tutti i giorni.

Un’altro fattore comune è il cosiddetto “jet lag”. Si tratta di quel disequilibrio generato da lunghi viaggi in aereo che attraversano più fusi orari. In questo caso assistiamo a due effetti: iperattività di notte e stanchezza cronica di giorno. Di solito sintomi di questo tipo durano pochi giorni e si superano una volta che il corpo si è riadattato, ma… Sei d’accordo con me che possono essere ugualmente seccanti, soprattutto se stiamo affrontando un viaggio di lavoro?

Un terzo elemento che può influire sulla qualità del riposo è il dolore, in qualsiasi forma esso si presenti. Accusare sintomi di malessere in varie parti del corpo va sempre ad incidere sul regolare ciclo sonno-veglia.

Negli ultimi anni è stato ampliamente dimostrato che il CBD può essere un valido rimedio naturale capace di combattere alla radice tutte queste cause.

Rimedi tradizionali per l’insonnia: curano i sintomi, non le cause

Se cerchiamo su Google alcuni rimedi per combattere l’insonnia ci imbattiamo subito in numerosi farmaci di altrettante case farmaceutiche. Molti di essi sono efficaci ed aiutano in modo concreto il paziente. Il problema è che si tratta pur sempre di prodotti chimici e generalmente poco naturali.

Come saprai, ogni farmaco ha le sue controindicazioni che, in alcuni casi, fanno più danni degli stessi benefici per i quali è stato creato. Inoltre i prodotti che la maggior parte delle volte ti vengono venduti come soluzione finale a tutti i tuoi problemi, non fanno altro che diminuire i sintomi, non agiscono direttamente sulle cause.

Al contrario, con il CBD, si possono andare a contrastare direttamente le cause scatenanti, come l’ansia, i dolori o i disequilibri dovuti al fuso orario.

Devi sapere che da parecchi anni sono ormai noti gli effetti antifiammatori, analgesici e antidolorifici del CBD che, intervenendo direttamente sul nostro sistema endocannabinoide, agisce velocemente e senza effetti collaterali.

  • Articolo collegato: Cannabidiolo: che cos’è? Scopriamo le sue proprietà.

Perché il CBD aiuta a dormire meglio

Secondo recenti studi di mercato, sono sempre di più le persone che scelgono di assumere CBD per dormire bene e combattere l’insonnia. Per un disturbo di questo tipo (che riguarda quasi 9 milioni di italiani) trovare dei rimedi naturali è un toccasana perché può migliorare la salute di quasi 1/6 di tutta la popolazione italiana!

Visto che la prima causa del sonno irregolare è da considerarsi l’ansia, è utile scoprire insieme un’importante ricerca condotta alcuni anni fa.

Sulla rivista scientifica Frontiers in Psychiatry (Frontiere in Psichiatria) è stato pubblicato uno studio secondo il quale il CBD sarebbe un efficace ansiolitico. Per aumentare il carico di ansia nei soggetti coinvolti nella ricerca, è stato fatto assumere un’alta quantità di THC a persone generalmente ansiose. Soprattutto nelle persone affette da ansia e paranoia assumere dosi elevate di THC può generare gravi crisi di panico. Ebbene, il CBD, anche in questo caso, ha contrastato in modo positivo tutti questi risvolti negativi amplificati, riducendo enormemente gli effetti ansiogeni.

Oltre al suo potere ansiolitico, ciò che rende il CBD realmente efficace nella regolazione del ciclo sonno-veglia è la sua attività di mediatore con altre molecole del nostro corpo. In questo caso è importante sapere che la melatonina, se associata al CBD, aiuta a organizzare le ore di sonno in modo regolare e continuo.

Abbiamo quindi la risposta: sì! Il CBD aiuta in modo concreto a dormire meglio.

Cannabis legale: conviene usarla?

Molti di coloro che vogliono riuscire a dormire meglio (senza utilizzare prodotti chimici) già utilizzano il CBD per risolvere il proprio problema.

Specialmente dopo la sua legalizzazione, l’uso del CBD (nelle sue diverse forme) si è diffuso enormemente a causa dei suoi innumerevoli benefici.

È vero, l’argomento cannabis suscita ancora polemiche e dibattiti discordanti ma è ormai impossibile negare i benefici che derivano dall’utilizzo della cannabis legale e dei suoi derivati. Che tu voglia dormire meglio, regolare la risposta del tuo sistema immunitario, sconfiggere un dolore fastidioso o semplicemente trovare un po’ di relax in questa società che viaggia ai 200 km all’ora, sei nel posto giusto.

Scopri i nostri prodotti a base di CBD e scegli il più adatto alle tue esigenze:

(links ai prodotti)

DISCLAIMER: il CBD non è un farmaco e non devi sostituirlo a terapie medicinali in corso senza aver consultato prima il tuo medico.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *